© 2018 European Generation All Rights Reserved

© 2018 European Generation All Rights Reserved

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Instagram Social Icon
  • LinkedIn Social Icon

European Generation: uniti per una nuova consapevolezza europea

Articolo Pubblicato a pag. 14 della prima edizione de "L'Eco del Bunker", giornale universitario,  in data 3 Dicembre 2015.

  European Generation è l'associazione studentesca che diffonde all'interno dell'ateneo la consapevolezza dell’importanza della dimensione europea per la nostra generazione.

L’obiettivo è quello di creare uno spazio di condivisione di idee attraverso vari canali, convinti dell'importanza di rendere gli studenti protagonisti dell'acceso dibattito sull'Unione Europea.

Al suo interno, l'associazione persegue i suoi scopi tramite tre divisioni: Eventi, Scrittura e Comunicazione. Ma andando oltre la mera struttura organizzativa, perché, infondo, fare parte di un'associazione è così importante? C'è qualcosa che va oltre l'arricchimento di un curriculum e lo status bocconiano?

In EG, la risposta è affermativa. 

Ogni settimana, l'incontro, oltre ad essere un'occasione per organizzarsi internamente, è un momento di confronto su temi di attualità. Oltre agli eventi, strutturati secondo un format che permette la discussione con gli ospiti, l'impegno nel capire l'Europa si esprime in progetti di genere diverso, da pubblicazione di articoli a collezione di interviste, tutte disponibili su pagina facebook e blog.

European Generation è, prima di tutto, esperienza: esperienza di un'Europa che ha bisogno di cure e attenzioni, di cittadini che si impegnino a capirla e costruirla, per quanto sia una missione piuttosto controversa da paese a paese e che abbia come unico strumento il pensiero.

Affinché tutte queste belle parole possano assumere una veste più reale, è necessario che a parlare sia la testimonianza di chi dedica il proprio tempo a questo progetto e chi, in prima persona, sta contribuendo a farlo crescere.

“Ci troviamo in un momento storico nel quale, da europei, siamo chiamati a prendere delle decisioni che influenzeranno profondamente il futuro di tutti. Proprio per questo è fondamentale creare degli spazi che facilitino la partecipazione dei cittadini, specie se giovani. L’EYD vuole essere proprio questo: uno spazio di informazione, dibattito, partecipazione.” Federico Calciolari, vicepresidente e direttore eventi.

Cos’è l’EYD?

Lo scorso 4 Ottobre l'associazione, dopo mesi di preparazione con la nonprofit Ragnarock, è riuscita a portare 57 studenti bocconiani nella suggestiva cornice di Expo Milano 2015, per discutere il tema "Road to Zero Poverty" nel Padiglione del Unione Europea.

La delegazione guidata da Davide Zilli - presidente di EG e chairman del dibattito -  e Federico Calciolari – vicepresidente di EG e ideatore del format – ha visto partecipi gli studenti selezionati nel mese di settembre. Alla conferenza del mattino hanno contribuito il prof. Paolo Graziano, Università Bocconi, ed il dr. Franco Conzato, membro della Commissione Europea (DEVCO), invitato dal CDE della Biblioteca Bocconi. Dopo il lunch break sulla terrazza del Padiglione UE, dove i delegati hanno potuto conoscere il vicepresidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, l'evento è entrato nel suo vivo: ha avuto infatti inizio il primo European Youth Debate, un format del tutto innovativo che ha presentato ai delegati 4 tematiche europee da affrontare con posizioni chiare ed interventi in lingua inglese.

Al termine del dibattito pomeridiano, ha avuto luogo la cerimonia di premiazione, nella quale tre dei 57 delegati - per merito di originalità e motivazione – sono stati designati come vincitori di un viaggio a Strasburgo, comprensivo di visita al Parlamento Europeo, uno dei luoghi in cui la nostra Europa si trasforma e si migliora, offerto dagli organizzatori del Parlamento Europee a Milano.

European Generation festeggia il grande successo dell'European Youth Debate, sia come educazione ad essere attivi e partecipi nel dibattito europeo che come dovere di informarsi e ascoltare le opinioni altrui, e ringrazia tutti gli studenti che hanno reso questo importante confronto possibile.

L'evento verrà probabilmente replicato nel secondo semestre in altra sede, per cui si attende una partecipazione ancora più estesa e viva!

 

"La mia esperienza in EG è nata con la redazione di una rubrica per cui scrivevo articoli in prima persona. Il nome che avevo scelto è "Europeaness on the road": essere "on the road" è mettersi nella condizione di raggiungere qualche posto, percorrere un percorso che ha una meta spesso non delineata e molto lontana dall'essere raggiunta; questo è esattamente ciò che EG si ripropone: sentirsi Europeo, con la consapevolezza di dover dare in primis un significato a questa "cittadinanza" così sbiadita quanto necessaria. Dopo un anno, non sono più sola in questo progetto: altri ragazzi hanno sentito propria questa necessità ed insieme speriamo e scriviamo di un'Europa ancora così confusa." Nicoletta Amato, Direttrice della Divisione Scrittura

Sono invitati a contribuire alla nuova rubrica Tales of Europe – nelle modalità più diverse - tutti i ragazzi che hanno la passione per la scrittura e per le tematiche europee.

Inoltre vi invitiamo al prossimo evento, organizzato assieme ad ACT, che si terrà il 3 dicembre alle 16.00, intitolato “The Jobless Generation”. Saranno nostri ospiti due giovani europarlamentari: Brando Benifei (S&D) e Martina Dlabajova (ALDE). Sarà una buona occasione per venire a contatto con le istituzioni europee e per conoscere la realtà dei lavori parlamentari di Bruxelles.

Let’s Europe Together!


Davide Zilli (presidente EG) e Nicoletta Amato (direttrice divisione scrittura)